domenica 31 ottobre 2010

Pioggia..

Che giorno curioso! Dense nubi nere ricoprono il cielo con il loro manto grigio e sull'asfalto ampie pozzanghere lo riflettono: il grigio del cielo si mescola a quello delle strade. A me piace molto il tempo così nuvoloso...Mi è sempre piaciuto, tanto che da bambina rimanevo incollata al vetro della finestra per ammirare il mare, così grigio. Il paesaggio, seppur fosse esiguo quello che potevo ammirare, mi attirava, m'ispirava pensieri profondi. Di domenica faceva da sottofondo, il suono armonioso delle campane che suonavano a festa. Il mare sembrava affondare sempre di più in un grigio scuro che sembrava voler presagire una giornata immersa nella pioggia. Eppure, sebbene fosse triste, a me quella vista procurava una grande pace.
Stanotte, proprio riguardo all'infanzia, ho sognato di cantare a squarciagola le sigle dei miei cartoni preferiti che erano pochi...Ma... Seguiti... e vissuti! Desiderio di cantare... Certo, considerando che da una settimana sono senza voce. Giorno curioso, davvero. Sentimenti incerti aleggiano come sulla superficie di un lago.
Posta un commento