sabato 28 aprile 2018

E questo è tutto

Stamattina, quando ho scritto le righe del post precedente,non ero a conoscenza della morte di Alfie ed il mio discorso, lasciato a metà perché scritto a mano, è rimasto tale: era un preambolo che voleva entrare nel cuore della vicenda del piccolo con molta cautela perché il dolore dei genitori e del bimbo stesso imponeva silenzio. Ho saputo della sua morte solamente verso le 11. Scorrendo alcuni titoli che annunciavano il fatto, ve n'erano tanti che sottolineavano la sua forza e soprattutto il suo coraggio. Tra questi ne prendo uno che mi ha colpito:
“Ciao Alfie, ci hai insegnato l'amore per la vita”. Altri che sottolineavano il coraggio: “il piccolo leoncino Alfie ci ha insegnato il coraggio di vivere”.
Risultati immagini per alfie
I miei post sono scritti prima su carta e in seguito su internet. Avevo lasciato scrivendo che alcuni passi sembra siano fatti in avanti, ma in concreto non lo sono. Ebbene, la vicenda di Alfie è uno di questi casi... E i diritti di questo bimbo e della famiglia dove sono?

Il pensiero dell'uomo

Risultati immagini per pensiero dell'uomo
Riflettevo sul cammino dell'umanità e su come il pensiero degli uomini abbia mutato significativamente il corso della storia, sia positivamente che negativamente. Talvolta è difficile quantificare gli eventi alla luce del loro svolgimento proiettato nella prospettiva futura, tale confine non è così netto ed è di difficile interpretazione. La nostra identità culturale è ciò che noi abbiamo vissuto nella grande storia e la grande storia è stata segnata da eventi che all'inizio parevano insignificanti. Parlo del cosiddetto “effetto farfalla” definito da Lorenz e poi ripreso da Morin per spiegare il paradigma della complessità, per cui dei piccoli gruppi che agli inizi erano ristretti, abbiano poi segnato la storia definitivamente. Si riferiva al cristianesimo, ma pure ai regimi totalitari risultati devastanti.

Noi siamo il risultato dei grandi eventi della storia: il fatto che l'Europa sia stata segnata da eventi catastrofici, dalla prevaricazione dei diritti fondamentali dell'uomo, ha fatto sì che nascessero alcuni documenti europei di notevole spessore: “La Dichiarazione dei diritti dell'uomo”.
Questo, però, non implica a priori che il cammino vada sempre avanti, verso la libertà, la tolleranza, il rispetto, i diritti. Nella vita personale di ciascuno di noi, notiamo tanti momenti di involuzione, talvolta sembrano di stasi, ma non è così, nessuno è fermo. Quei momenti di stasi si risolveranno o con un passo indietro o avanti. Il brutto è che pensiamo che quel passo che noi abbiamo fatto all'indietro, sia in avanti. Lo giustifichiamo noi ricostruendo il nostro passato su misura per capire e supportare le nostre scelte presenti. Così è della grande storia. Certi momenti di involuzione sono ritenuti come un passo avanti... ma intrinsecamente non lo è e lo capiamo guardando gli effetti in una prospettiva globale.

venerdì 27 aprile 2018

Risurrezione

Dio si è svelato attraverso la vita di suo Figlio. Un po' come i bambini, pure noi abbiamo bisogno di esempi concreti: le cose astratte rimangono nella nostra mente fino ad un certo punto, soprattutto quelle che trattano del soprannaturale. Molto probabilmente avremmo riso come fecero i Greci al discorso di Paolo: “Noi risorgere?.... Impossibile!” 
Risultati immagini per risurrezione
Il buon Dio ci conosce e per tale motivo ha inviato il Figlio, per darci un modello concreto, ma anche per farci vedere dove giungeremo se lo imitiamo: la Risurrezione. Insomma, ha vinto la morte, dilemma della nostra vita.

martedì 24 aprile 2018

Comprensione

Chi è Dio per me? È una domanda retorica? Assolutamente no! Siamo tanto imperfetti che accostarsi ad un essere così perfetto, sarebbe impossibile se non fosse per il suo amore, per lo Spirito Santo, che ci rendono capaci di Dio.
Il fatto è che Dio ci ha creato ad immagine e somiglianza sua, ma noi, a nostra volta, ci creiamo un Dio a nostra immagine, cioè come proiezione della nostra mente.
Risultati immagini per comprensione
Il pericolo più ricorrente è quello di vedere il prossimo attraverso i nostri schemi mentali. Interpretiamo i loro comportamenti attraverso la nostra esperienza scordando un concetto ormai consolidato e vero: ogni persona è un essere irripetibile ed unico. Lo dice la psicologia, ma ci era arrivata anche la piccola santa Teresa Martin: vi è più differenza tra le anime che tra le fisionomie dei volti.

Da ciò deduciamo che, se anche fosse che uno abbia vissuto le medesime esperienze, la sua percezione e organizzazione mentale le ha catalogate differentemente, in modo creativo formando una forma mentis diversa dalla nostra.
La comprensione dell'altro, quindi, deve avvenire non attraverso l'interpretazione dei nostri sentimenti (sebbene si debba partire da questo visto che le emozioni sono universali), ma mediante l'ascolto e la certezza che l'altro sia diverso da noi, che agisce, pensa, interpreta, risponde differentemente rispetto a noi.
Se ciò è valido per i rapporti interpersonali, lo è anche nei confronti di Dio. Dio va conosciuto attraverso la meditazione della sua parola e la preghiera. Dio è diverso da noi e noi, troppo spesso, lo vediamo nelle vesti di uno che perdona a prescindere dal fatto che l'altro sia pentito, oppure come un giustiziere mascherato, una sorte di supereroe che lancia dardi infuocati di qua e di là, contro chi sgarra.
La conoscenza di Dio non è semplice e non si deve presumere di nulla. Passa attraverso la preghiera, la lettura meditata del Vangelo, la contemplazione, ma anche la decentralizzazione da se stessi.

Mio papà è in paradiso?

Emanuele ha perso da poco il papà, è un bambino, ma nel suo cuore ha domande immense, domande con la D maiuscola: “Dov'è adesso papà? In paradiso o all'inferno?”
Suo papà si dichiarava ateo... in un bambino questo interrogativo sembra stonare e la sua fiducia nel Papa cela una grande fede: lui sa che il Papa è il Pontefice, il successore di s. Pietro e cerca in lui la risposta che lo tormenta: “adesso papà dov'è, ha finito di soffrire?”.
Risultati immagini per paradiso
È una domanda imbarazzante alla quale nessuno di noi può rispondere, ma il Papa risponde  lasciando trapelare la dolcezza e l'amore infinito del Padre: lo rassicura rammentandogli ciò che di buono ha fatto suo papà, lasciando però l'ultima parola al Padre: “Solamente Lui può dire chi va in Paradiso e chi all'inferno.

Leggendo tale breve racconto, molti si sono scandalizzati tacciando il Papa di buonismo. Questo desiderio che manifestano le persone, della giustizia di Dio a tutti i costi, mostra una grande insicurezza e inadeguatezza di fronte a questi tempi che mutano così velocemente da non avere più nemmeno il tempo per adattarsi. Si cercano dei punti fermi, ma si scorda che Dio è fortemente creativo.

martedì 17 aprile 2018

Il nostro pane

“Io sono il pane disceso dal cielo, chi mangia il mio corpo e beve il mio sangue, non avrà più fame e sete in eterno.”. Ho riportato alcune frasi del Vangelo che completano la pericope di oggi. I Farisei chiedono un segno e, facendolo, menzionano il fatto straordinario dell'Antico Testamento, quando Dio sfamò il suo popolo nel deserto con la manna. Il popolo stremato, affamato, assetato, timoroso riguardo alle numerose incognite del futuro, riceve da Dio un cibo che piove dal cielo: la manna. Tutti contenti al momento, ma al ripetersi del prodigioso evento che li ha salvati, il popolo si stanca e comincia a brontolare. È praticamente il prototipo del nostro comportamento che assumiamo talvolta nei confronti di Dio: quando otteniamo qualche dono che abbiamo bramato e atteso e che, in ogni caso, la sua presenza ci avrebbe salvato sicuramente, dopo un po' ci stufiamo e cominciamo a brontolare.“Io sono il pane disceso dal cielo, chi mangia il mio corpo e beve il mio sangue, non avrà più fame e sete in eterno.”. Ho riportato alcune frasi del Vangelo che completano la pericope di oggi. I Farisei chiedono un segno e, facendolo, menzionano il fatto straordinario dell'Antico Testamento, quando Dio sfamò il suo popolo nel deserto con la manna. Il popolo stremato, affamato, assetato, timoroso riguardo alle numerose incognite del futuro, riceve da Dio un cibo che piove dal cielo: la manna. Tutti contenti al momento, ma al ripetersi del prodigioso evento che li ha salvati, il popolo si stanca e comincia a brontolare. È praticamente il prototipo del nostro comportamento che assumiamo talvolta nei confronti di Dio: quando otteniamo qualche dono che abbiamo bramato e atteso e che, in ogni caso, la sua presenza ci avrebbe salvato sicuramente, dopo un po' ci stufiamo e cominciamo a brontolare.
Siamo tanto abituati a vedere ciò che ci manca che la nostra povera mente non riesce neppure a intravedere i doni che possiede e, soprattutto, la gratuità con la quale essi ci sono stati elargiti.
Il “mugugno è libero” si dice a Genova, purtuttavia si deve andare oltre: è importante saper vedere le cose positive e non lasciarci prendere dal pessimismo.
Ritornando al discorso sul pane, Gesù a quei tempi parlava a persone che avevano bisogno di una sicurezza e che lavoravano sodo per guadagnarsi il pane quotidiano. Non vivevano come noi, vivevano per lo più alla giornata ed il pane era tutto. Il fatto che noi abbiamo la pancia piena, ci fa scordare i bisogni non materiali, altrettanto fondamentali. Ancora oggi abbiamo bisogno del pane, siamo disorientati, impauriti, insicuri davanti ad un futuro incerto, bisognosi d'amore, insoddisfatti perché pieni d'impegni di ogni genere, irrealizzati. La risposta a queste nostre domande, al vuoto interiore è Gesù. Egli dà al nostro spirito e al nostro corpo il cibo fondamentale per essere per sempre sazi.
Siamo tanto abituati a vedere ciò che ci manca che la nostra povera mente non riesce neppure a intravedere i doni che possiede e, soprattutto, la gratuità con la quale essi ci sono stati elargiti. 
Il “mugugno è libero” si dice a Genova, purtuttavia si deve andare oltre: è importante saper vedere le cose positive e non lasciarci prendere dal pessimismo. “Io sono il pane disceso dal cielo, chi mangia il mio corpo e beve il mio sangue, non avrà più fame e sete in eterno.”. Ho riportato alcune frasi del Vangelo che completano la pericope di oggi. I Farisei chiedono un segno e, facendolo, menzionano il fatto straordinario dell'Antico Testamento, quando Dio sfamò il suo popolo nel deserto con la manna. Il popolo stremato, affamato, assetato, timoroso riguardo alle numerose incognite del futuro, riceve da Dio un cibo che piove dal cielo: la manna. Tutti contenti al momento, ma al ripetersi del prodigioso evento che li ha salvati, il popolo si stanca e comincia a brontolare. È praticamente il prototipo del nostro comportamento che assumiamo talvolta nei confronti di Dio: quando otteniamo qualche dono che abbiamo bramato e atteso e che, in ogni caso, la sua presenza ci avrebbe salvato sicuramente, dopo un po' ci stufiamo e cominciamo a brontolare.
Risultati immagini per paneSiamo tanto abituati a vedere ciò che ci manca che la nostra povera mente non riesce neppure a intravedere i doni che possiede e, soprattutto, la gratuità con la quale essi ci sono stati elargiti.
Il “mugugno è libero” si dice a Genova, purtuttavia si deve andare oltre: è importante saper vedere le cose positive e non lasciarci prendere dal pessimismo.
Ritornando al discorso sul pane, Gesù a quei tempi parlava a persone che avevano bisogno di una sicurezza e che lavoravano sodo per guadagnarsi il pane quotidiano. Non vivevano come noi, vivevano per lo più alla giornata ed il pane era tutto. Il fatto che noi abbiamo la pancia piena, ci fa scordare i bisogni non materiali, altrettanto fondamentali. Ancora oggi abbiamo bisogno del pane, siamo disorientati, impauriti, insicuri davanti ad un futuro incerto, bisognosi d'amore, insoddisfatti perché pieni d'impegni di ogni genere, irrealizzati. La risposta a queste nostre domande, al vuoto interiore è Gesù. Egli dà al nostro spirito e al nostro corpo il cibo fondamentale per essere per sempre sazi.
Ritornando al discorso sul pane, Gesù a quei tempi parlava a persone che avevano bisogno di una sicurezza e che lavoravano sodo per guadagnarsi il pane quotidiano. Non vivevano come noi, vivevano per lo più alla giornata ed il pane era tutto. Il fatto che noi abbiamo la pancia piena, ci fa scordare i bisogni non materiali, altrettanto fondamentali. Ancora oggi abbiamo bisogno del pane, siamo disorientati, impauriti, insicuri davanti ad un futuro incerto, bisognosi d'amore, insoddisfatti perché pieni d'impegni di ogni genere, irrealizzati. La risposta a queste nostre domande, al vuoto interiore è Gesù. Egli dà al nostro spirito e al nostro corpo il cibo fondamentale per essere per sempre sazi.

mercoledì 13 settembre 2017

Beatitudini

“Beati poveri, perché di essi è il regno dei cieli!”…. Ma Gesù dice anche: “Guai a voi o ricchi...” ….
Cosa intende effettivamente Gesù con quest’espressione? Ovviamente i poveri non sono quelli che mancano di denaro… o almeno non solamente. E i ricchi?
Forse sarebbe meglio iniziare da questo. Chi sono veramente i ricchi? Materialmente sono coloro che hanno tutto, anzi di più, persino il superfluo. Spiritualmente?Risultati immagini per beatitudini evangeliche
In poche parole sono coloro che si sentono già arrivati, che non hanno bisogno di niente e nessuno, che credono di essere migliori di tutti e quindi maestri. Se andiamo a spulciare il Vangelo, ecco che Gesù ad un certo punto, afferma che nessuno è maestro, ma noi siamo tutti fratelli, cioè alla pari. Questa è una grande filosofia. Dovremmo allarmarci nel momento in cui ci sentiamo a posto e saliamo sempre sul piedistallo a giudicare il modo di fare o il pensiero altrui. Abbiamo tutti da imparare, sbagliamo tutti e per questo motivo non possiamo erigerci a giudice di nessuno, nemmeno se nella chiesa si ha un posto preminente. Il fatto è che siamo tutti in cammino e non conosciamo ciò che c’è nel cuore dei nostri fratelli. Può capitare anche che siano più avanti di noi, sebbene abbiano sbagliato pubblicamente o in modo eclatante. Dovremmo riuscire ad arrivare a tendere la mano a tutti, pensando che un giorno forse potrei trovarmi io in quella stessa situazione.
Nella Bibbia vi è un grande proverbio: “Non fare agli altri ciò che non vuoi sia fatto a te”. Come posso allora sentirmi così sicuro di non sbagliare, di non trovarmi mai in quella situazione?
Il fatto è che se noi lo abbiamo minimamente pensato, è perché abbiamo troppa fiducia nelle nostre capacità, che pensiamo che la fede sia merito nostro e quindi non un dono come in effetti realmente è. Sembra poco? Eh, no, non lo è, perché da un solo pensiero, dipende tutto un atteggiamento e stile di vita.

sabato 9 settembre 2017

Vita eterna

Risultati immagini per vita eterna
Qual è la vostra opinione sulla vita eterna? Vi interrogate mai o ci pensate solamente quando accade qualche episodio importante che, come un terremoto, scuote le vostre coscienze o la paura che è in fondo al vostro cuore?

Mi piacerebbe aver occasione di parlarne, in modo particolare con i cattolici o cristiani. 
Cosa credete veramente, senza usare frasi preconfezionate?
Tante volte si sente dire che una persona morta vive nei nostri ricordi. Che triste, però. È vero, è sacrosanto, non metto assolutamente in dubbio questo. È verissimo. Tante volte mi sorprendo a pensare a mio padre quando vedo un suo oggetto o quando passo in un posto in cui andavamo insieme. Ciò che mi sorprende in quei momenti, è la malinconia, la nostalgia di un tempo che non tornerà più. Tutto è in divenire, questo è chiaro, e neppure un secondo si ripresenterà in modo uguale. C’ è sempre in esso qualcosa di diverso, magari una sfaccettatura piccolissima, ma non è come il tempo passato che abbiamo vissuto, è differente.  
Allora? Mi direte voi. Il fatto che dovrebbe cambiare in noi cristiani sarebbe che la vita del nostro caro defunto, non deve vivere nei nostri ricordi, ma vivere effettivamente nel nostro presente.
L’ amore è l’essenza di Dio che è onnipresente e quello che noi chiamiamo cielo, tanto per dare una collocazione, non è tanto distante da noi. L’ amore spezza le barriere del tempo e dello spazio. I nostri cari sono in mezzo a noi. Continuiamo a parlare con loro… ovviamente non facendo le sedute spiritiche… accettando anche i loro silenzi, il loro agire talvolta sorprendente… Adesso conoscono bene qual è la volontà di Dio e se non ci accontentano come noi vorremmo, vuole dire che sanno davvero qual è il nostro vero bene. Ogni anima vive nel suo … nostro presente… non scandito da un orologio fatto di lancette, ma da un amore reso ancora più puro dal contatto con Dio...

domenica 3 settembre 2017

La signora.... Ammazzatutti!

Risultati immagini per la signora ammazzatutti
“La signora ammazzatutti”. Strano incominciare con questo simpatico epitetto… ma vi smentisco: questo non è un epiteto, ma una storia che si ispira a situazioni realmente accadute, raccontata sarcasticamente e drammaticamente in un film che, appunto, porta questo titolo. L’ ho cominciato a vedere pensando che fosse una commedia, ci sono quei film tragicomici che si deliziano di mescolare il tragico irreale con il comico. Mi sono ritrovata invece a vedere un film che racconta una storia che spesso si ripete in modo assurdo: quando una donna è implicata in fatti di sangue non si crede subito alla sua colpevolezza. La signora in questione era una psicopatica, che non riusciva ad accettare nessun ostacolo che si frapponesse fra lei e la perfezione ed in nome di questa perfezione, uccideva barbaramente. Ad esempio ha ucciso chi non faceva la raccolta differenziata, chi aveva osato mangiare del pollo o aver disturbato suo marito con il quale aveva progettato una serata differente, il professore che aveva osato sottolineare alcune anomalie del comportamento del figlio. La cosa strana è che lei è riuscita a farla franca sempre, che la folla invasata l’osannava più di un’eroina, che la giuria l’ ha assolta da ogni capo di accusa quando era chiaro che era stata lei a commettere quegli omicidi. E poi… ironia della sorte, la stessa giurista che aveva contribuito ad assolverla, fu barbaramente uccisa perché ai primi di settembre indossava delle scarpe bianche. 

Tale film fa riflettere molto sui fenomeni collettivi che portano a una suggestione di massa e non fanno notare ciò che non va nella cosa, si autosuggestionano che sia giusto così. In certi casi è molto difficile comprendere ciò che è bene e ciò che è male. Non è così automatico. Sta di fatto che questo meccanismo è veramente pericoloso. Tante ideologie feroci si sono basate su tale meccanismo. Ecco perché è importantissimo educarsi al senso critico.

sabato 2 settembre 2017

Intenzioni, mezzi, fini

Non c’è dubbio: Gesù era un rivoluzionario. Sapeva leggere nel cuore dell’uomo, accogliere, insegnare, rimproverare. Faceva tutto per amore. Forse non ci si pensa abbastanza, ma la parte più importante di un’azione sono le intenzioni. Spesso si rimane alla superficie delle cose, si bada all’aspetto esteriore. È vero che può succedere che qualcuno, nonostante abbia buone intenzioni, non faccia bene le cose, venga frainteso e non capito, tuttavia l’importante era la sostanza delle sue azioni. La sostanza e l’essenza devono dare forma ad un’azione, renderla concreta.  Non può essere il contrario. Infatti, se la forma dà sostanza ed essenza ad un’azione, non ha radici in sé. Gli sbagli nascono dall’imperfezione umana. L’ uomo non è onnisciente, per cui gli può sfuggire il punto di vista altrui. L’ agire dell’uomo gravita attraverso queste tre dimensioni: intenzioni, fine, mezzi. 
Risultati immagini per buone intenzioni
Spesso si ripete che “il fine non giustifica i mezzi”. Infatti, magari si ha come obiettivo una cosa buona, ma il fatto di pensare che tutto è lecito per raggiungerlo, non è valido. 

Un esempio: desidero l’ uguaglianza fra le persone, per cui sopprimo quelli che sono più ricchi o i poveri senza farmi scrupolo. L’ uguaglianza fra le persone è un buon obiettivo, ma lo spargimento di sangue o altri metodi che ledono i diritti umani e la carità, lo rendono automaticamente illecito: un grande obiettivo, si raggiunge tramite piccoli obiettivi che non ledono la carità e i diritti umani, sempre. L’ intenzione buona deve essere la linfa che nutre ogni azione umana… Come qualcuno diceva scherzosamente: “Da un albero di mele non possono nascere pere!”.
Karl Marx diceva che l’inferno è lastricato di buone intenzioni. Sì, se rimangono tali. Le buone intenzioni devono dare appunto sostanza alle azioni. Deve esistere assolutamente questa triade, se vi è una scissione tra queste, rimane uno spiritualismo che non prenderà mai forma né corpo… ovvero non sarà mai concreto.