domenica 27 dicembre 2009

Sacra Famiglia...

Dopo il diluvio di ieri ecco che è tornato il sole. Si è fatto strada a stento tra le nuvole. Che giornate strane...E' vero che ogni volta che si critica è implicito che si ci senta migliori dell'altro. Anche se la critica riguarda un difetto che mi pare di non possedere. L'umiltà è come un piccolissimo seme. Deve trovare terreno fertile nel nostro cuore. Non può constare di soli atteggiamenti esterni, deve affondare assolutamente le radici nel terreno del cuore. Là troverà nutrimento necessario per crescere. L'acqua che la farà crescere sono le umiliazioni. Un'acqua forse un po' amara, ma necessaria e salutare. Della testimonianza di Gloria Polo mi ha fortemente colpito quando lei afferma che di fronte a Gesù tutti, anche le anime dei dannati costrette a ritirarsi, s'inchinano. A volte penso alle irriverenze commesse di fronte al Santissimo. Esse nascondono una certa mancanza di fede. Io chiederò la forza d'inginocchiarmi di fronte al Santissimo fino alla morte, sia fisicamente che spiritualmente.
Posta un commento