venerdì 11 dicembre 2009

La preghiera, porta per l'eternità

La preghiera deve nascere dal profondo del cuore: deve essere mossa dal desiderio di congiungersi con l'eterno. Anche il Rosario non deve essere una preghiera meccanica, ma ogni ave Maria deve far vibrare le corde più profonde del cuore, nascere dall'anelito che si ha di Dio. Nella preghiera, non sono le labbra che parlano, ma il cuore che canta un ritornello che non lo stanca mai perché loda Colui e Colei che egli ama più della propria vita. Oh Amore increato, fonte dell'Eterno amore, sei tu stesso la preghiera del mio cuore, quel fiore che nasce in esso.
Posta un commento