domenica 30 novembre 2008

Domenica d'Avvento e Ritiro

Oggi giorno di ritiro...Dopo la violenta grandinata di stamattina, mi sono immersa nel silenzio della preghiera di fronte a Gesù Sacramentato. Finalmente sulla sabbia del deserto del mio cuore è fiorito qualcosa...Di fronte a Lui, mi sono ripetuta che davvero era una Persona vissuta storicamente, piena di amore verso il prossimo...Con la mente sono andata al momento in cui Lui entrò nella mia vita...Il mio entusiasmo era tanto, desideravo essere davvero come Lui, imitare il suo stile di vita e mi pareva facile....Poi mi sono accorta di essere impastata di egoismo, di essere impantanata in un corpo che non mi lasciava correre come io desideravo...Ahimè, mi sono scontrata con i miei limiti che subito hanno tarpato le ali della mia anima. Eppure nulla è impossibile a Dio, dovrei traboccare di speranza ed essere, nonostante tutto, ricolma della stessa pazienza dell'agricoltore che attende l'abbondante raccolto dopo aver seminato. Invece mi perdo in tante cose futili, incespicando sui sassi presenti sul sentiero dove io cammino, come un pellegrino stanco e consapevole che non raggiungerà mai la meta.
Devo saper abbattere il muro dei miei limiti con lo slancio della speranza!
Spesso Dio mi ha colmata di grazie che io desideravo, anche materiali!Forse vuole farmi comprendere che tutti i miracoli esteriori potevano essere anche interiori e capaci di cambiare la mia vita. "Donna di poca fede" direbbe Gesù.
Sì, non è pari ad un granello di senape...ma è destinata a crescere. Maria, la Madonna, mi aiuterà!
Posta un commento