sabato 10 luglio 2010

La misericordia

Attributo fondamentale di Dio è la misericordia. Viene proclamata da tutti, soprattutto dopo il Concilio.... Ed è vero, è la qualità più bella che ci ha rivelato Gesù nel corso della Sua vita terrena. Abituati ad un Dio Padrone, o meglio, Santo, separato dagli uomini, Gesù è venuto sulla terra per svelarci il volto del Padre. Dio è misericordioso e la virtù che più gli piace vedere in noi è l'umiltà. È questa che attira la misericordia di Dio e cancella i nostri peccati e ci merita il Paradiso. Come ho detto tante volte, colui che è impegnato a criticare gli altri, comunemente non riconosce i propri peccati. Vede gli altri sempre in torto e conosce la carità solo come concetto ideale, spirituale. Ricordiamo che anche i farisei che erano religiosi e praticanti, criticavano spesso gli altri. Quante volte sono stati definiti ciechi da Gesù! Non riuscivano a vedere i propri peccati, eppure pregavano e partecipavano alle funzioni religiose. Quindi non ci deve stupire più di tanto, se coloro che pregano molto sono ammalati di superbia e non riescono a vedere i loro peccati. Non vedendoli, non si correggono mai. Il criticare sembra ai loro occhi simbolo di perfezione, di conoscere la santità. Non si accorgono però che conoscere la santità non basta, bisogna praticarla e che proprio quel criticare, li può portare alla possibile perdizione eterna. Per questo Gesù si scagliava spesso contro i farisei. Essi, nel loro criticare, non vedevano i propri errori, si sentivano giusti e quindi non bisognosi né di Dio e quindi tanto meno della Sua misericordia. Ecco la differenza fra i farisei e i peccatori. Non era Gesù che non si rivelava ai farisei, erano loro che lo rifiutavano, e poiché Dio ci lascia il libero arbitrio, non ha mai potuto forzare il loro spirito. Essi stessi si allontanavano da Dio. Così accadrebbe a noi se non riconoscessimo i nostri peccati. Non sentiremmo il bisogno della Sua misericordia e Lui ci rispetterebbe e lascerebbe che noi ci allontanassimo da Lui per tutta l'eternità.

Posta un commento