sabato 28 gennaio 2012

Giustizia e carità


Non sempre se aiutiamo qualcuno compiamo atti di carità. Spesso si fa confusione tra carità e giustizia e si pensa che quando facciamo del bene sia sempre carità. Non è affatto così. Prendiamo ad esempio un ricco e un povero. Il povero lavora duramente e possiede comunque pochissimi soldi. Il ricco, invece, lavora di meno. Questo decide di donare al povero parte dei suoi beni. Egli compie un atto di giustizia e non di carità. Nel mondo accadono infatti molte ingiustizie. Ad esempio il divario tra il nord e il sud del mondo. Non è giusto: quindi se il nord aiuta il sud del mondo, è un atto di giustizia e non di carità.
Trasferiamo questo discorso in un ambito ristretto, quello delle nostre vite, riguardo, però, alle cose spirituali. Non tutte le malattie o dolori provengono da un'assoluta santità, talvolta sono conseguenza del nostro peccato. San Luca lo esplicitava molto bene nel suo vangelo. Quando racconta le più disparate malattie che Gesù, lungo il corso della sua vita terrena, si trova a curare,distingue bene tra malattia derivante dal peccato, dal demonio, dal desiderio di riparare il male fatto dall'umanità. Attualmente il discorso sulla giustizia di Dio, ci fa storcere il naso, ma in fondo la carità si fonda sulla giustizia. Sarebbe ridicolo che Dio desse il paradiso senza faticare a coloro che per tutta la vita si è dato al libertinaggio, sarebbe un atto contro giustizia che farebbe dubitare il più grande santo di questa terra, tanto che i santi di volta in volta, tutti quanti, hanno testimoniato l'esistenza del Purgatorio e dell'Inferno, anche quelli che hanno predicato la misericordia di Dio! Trasferiamo ancora una volta questo discorso nel contesto di vite cristianamente impegnate e quindi riguardo a peccati o mancanze più piccole. Riflettiamo ciò che accade più volte nelle nostre vite. Un esempio pratico per intenderci meglio. Critico chi sta accanto a me perché, secondo me, ha inventato una malattia... ahimè, il giorno dopo viene una male anche a me e faccio le medesime cose per cui ho criticato quella persona!!! oppure la critichiamo per qualsiasi altro difetto ed ecco tac! Il Signore permette che cadiamo nello stesso difetto, per farci comprendere che non abbiamo agito bene... non certo perché siamo santi da essere elevati agli onori degli altari! Così, riflettendo sulla propria vita è semplice, riuscire a capire questo concetto e l'agire di Dio che, comunque, tramite quella sofferenza, rivuole condurre quell'anima al bene. Sta all'anima saper discernere ciò che le sta accadendo e quindi redimersi da quel difetto o peccato in cui è caduta e perciò saperla offrire per scontare il proprio peccato e la sua conseguenza, oppure per l'umanità. Dio permette quella sofferenza per il bene di quell'anima!
L'atto di offerta pura, la carità di offrire la propria sofferenza per la redenzione del mondo, avviene in teoria quando non abbiamo più peccati nostri da scontare. Dio sceglie queste anime elette affinché offrano a Dio un'offerta pura per redimere i peccatori. E questa è carità...Non le nostre malattie conseguite al peccato.
Posta un commento