domenica 25 dicembre 2011

Buon Natale


Maria, giovane donna, ha accolto nel silenzio della sua dimora, l'annuncio della maternità. Una maternità speciale, inaspettata. Non si dice cosa stesse facendo quando l'angelo entrò da lei. I grandi pittori cristiani la ritraggono in preghiera, ma può darsi anche che non fosse così. Sappiamo infatti, che spesso i lumi maggiori, sono stati ricevuti da alcuni santi mentre facevano altre cose. Pensiamo ad esempio a Santa Teresina che viveva in una profonda aridità spirituale e affermò che non era durante la preghiera che riceveva i lumi decisivi, ma mentre compiva un lavoro. Questo perché Dio non vuole incarnarsi solamente nella preghiera ma nell'ordinarietà della vita, perciò durante le normali occupazioni della giornata. E' presente là, nell'ordinarietà della vita. allora Maria accoglie il progetto di salvezza che muterà totalmente la sua vita. Mette a disposizione il suo corpo per donare la gioia al mondo Accetta la vocazione di Madre di Dio e lo segue appassionatamente, cercando di comprendere ciò che il Signore stava compiendo nella sua vita. Se gli uomini non potevano accorgersi di ciò che di meraviglioso e straordinario si stava compiendo sulla terra, gli angeli non potevano tacere e recarono l'annuncio di gioia all'umanità intera. 

La Madonna di Medjugorie sta invitando gli uomini a gioire nei suoi ultimi messaggi. Maria, pur nelle contraddizioni che viveva, aveva accettato questo modo di agire così strambo di Dio, senza calcolarne le conseguenze.
Non è semplice, è un fidarsi completo di Dio, affidarsi ad un Altro nella consapevolezza che, ricercando Dio, non si può sbagliare.
Allora, buon Natale a tutti, un vero Natale di pace e gioia.
Posta un commento