giovedì 26 luglio 2012

I film che inneggiano alla morte


Le pubblicità, come pure i film, sono zeppe di messaggi subliminali, cioè nascosti dietro ad altri più espliciti. Spesso, purtroppo, non possiamo difenderci da questi e ne rimaniamo travolti, il nostro cervello viene bombardato.

Come ho già detto, anche i film più belli, possono trasmetterci questi messaggi subliminali che appaiono innocui, sotto le visti di miti agnellini ma ci spingono ad abbracciare e ad approvare tacitamente ideologie non conformi al cattolicesimo.

I film più soft ci spingono a credere, mettendoci dalla parte del protagonista, che il divorzio è una cosa buona perché egli si realizzava con la moglie (o il marito se la protagonista è donna) oppure che era bene perché il suo cuore era completamente travolto dalla passione per un'altra. Oppure, ci insinuano che l'aborto è una cosa buona perché quella nuova vita in boccio avrebbe interferito troppo sulla libertà della donna e futura mamma. Inoltre, ci sono film più violenti che spingono i protagonisti a difendersi e quindi ad uccidere l'avversario. È giustissimo difendersi ma il film spinge lo spettatore a desiderare la morte di qualcuno e.... bisogna stare attenti perché ci caricano di un odio apparentemente positivo... ma, inoculato il germe, diventiamo aggressivi anche nel nostro vissuto, nelle piccole cose....
Posta un commento