giovedì 10 settembre 2009

Carità e debolezza

O Signore, quante volte mi ritrovo a mancare di carità. Eh sì, bisogna cambiare profondamente. Queste cadute mi fanno pensare sempre più spesso all'immensa misericordia di Dio. Tante volte, ancora troppo, sono come Pietro che alla parola del Signore tenta di camminare sulle acque. Agli inizi riesce ma poi quando si accorge che sta facendo una cosa straordinaria per la sua natura umana, ecco che comincia ad affondare... Non subito però. Per esperienza sappiamo invece che chi non sa nuotare cola a picco nel fondo del mare! Non affonda lentamente...
Così sono io...per i miei sbagli, sembro affondare lentamente, ma poi la mano di Gesù prende la mia e mi solleva. Sono come questi apostoli che nonostante abbiano condiviso tutto con Gesù, non hanno capito nulla. Eppure Gesù li amava, li mandava a predicare. Io ho capito mentalmente ciò che devo fare, ma devo calarlo nella pratica...Signore, aiutami ad avere più fede!
Posta un commento