lunedì 1 febbraio 2010

Avere fede nella misericordia

"Amata del mio cuore, la tua opera più grande è credere nella mia infinita misericordia...Da essa scaturiscono tutte le grazie. Sono io che agisco nel tuo cuore, solo io... perché senza di me non puoi far nulla. Immergiti nell'abisso della mia misericordia...Dona questo immenso tesoro anche alle anime che ti sono più vicine...Prega, domanda la misericordia per te e per gli altri, impara dai tuoi difetti l'umiltà. Devi imparare ancora l'umiltà: unisci le tue sofferenze alla mia Passione, momento per momento, ed io entrerò nel tuo cuore e ne farò la mia dimora. Sì, perché ogni sofferenza slegata alla mia Passione, non serve a nulla. Ricordati che io scelgo le anime per associarle alla mia Passione, ma esse devono donarmi tutto. Non tutti coloro che soffrono si fanno santi e non tutti coloro che gli uomini pensano siano santi, sono santi. Coloro che si lamentano sempre, che non offrono la loro sofferenza, questa potrebbe persino aumentare il Purgatorio della loro anima dopo la morte. Normale ribellarsi alle sofferenze, siete così fragili che, se solo ritirassi la mia mano da voi, cadreste tutti inesorabilmente all'inferno. Ciò che io rigetto è il voler farsi compatire o il persistere nella non accettazione della mia volontà. Ah se sapeste con che cura seguo le anime lontane dal mio Cuore! Cerco anime che si uniscano alla mia Passione...Cerco piccole anime che sappiano offrire, immolarsi continuamente per nascondermi nel loro cuore come se fosse un Tabernacolo. Nel silenzio istruirò quest'anima, le parlerò dei miei segreti e farò scendere di fronte al suo cuore un velo, affinché gli altri non vedano ciò che sto facendo nelle loro anime e queste imparino l'umiltà. Ricordati che io, dopo aver compiuto del bene, dopo aver sanato le folle, fui giudicato come il più grande farabutto di questa terra, subii un'orrenda flagellazione...M'ingiuriarono, rimasi solo... Eppure avevo saziato i loro figli, li avevo benedetti. Costoro mi volsero le spalle. Sappi che ancora adesso tante anime, anche religiose, mi voltano le spalle con le loro infedeltà, e questo apre ancor di più la ferita del mio Cuore. Il mio Cuore esige riparazione, non bastano le preghiere, desidero il vostro Cuore.
Tu, invece, appena ti toccano, invochi giustizia: devi imparare ad unirti alla mia Passione, desidero che tu offra la tua sofferenza, ti ho chiamato anche a questo. Desidero che tu diventi sempre più umile, come lo fui io. T'insegnerò, ti condurrò io...e tu, come ti dissi quella notte lontana, STARAI SEMPRE CON ME"
Posta un commento