venerdì 15 febbraio 2013

Il papa e la Chiesa


L'undici di febbraio, come ormai tutti sanno, Benedetto XVI ha lasciato il suo ministero. Questa decisione ha suscitato molto scalpore, se ne è parlato molto... ma oltre lo scalpore ha suscitato molta curiosità. Tale decisione sembra celare qualcosa di più grande, soprattutto riguardo alla situazione gerarchica della Chiesa. Curiosità di fronte a questo Corpo mistico che dovrebbe essere d'esempio a tutte le altre istituzioni; desiderio di coglierla in fallo; paura di sapere che purtroppo la Chiesa è fatta di gente peccatrice... Già, perché comunque la figura del papa ha attirato nuovamente consensi tra la gente e la sua mitezza ed umiltà trasparivano dal suo atteggiamento, quindi i sospetti cadono sulle persone che ruotano attorno a lui. Si sono fatte tante chiacchiere, ma per fortuna le parrocchie si sono mobilitate nel modo più giusto: silenzio e preghiera. Non c'è giorno che i preti che celebrano la messa ricordino la persona del Santo Padre. Non possiamo conoscere le motivazioni interiori più profonde della decisione del Santo Padre e non è tenuto a renderle note sebbene sia un personaggio pubblico. Ha dato le sue motivazioni e a quelle bisogna attenersi. Non è escluso però che tale avvenimento e le parole stesse del Pontefice, debbano spronarci a compiere un valido e impegnativo esame di coscienza. Alcuni giornali ostentavano testate accusatorie: "Il papa accusa la  Chiesa". Non è proprio così. Era suo dovere far notare alla Chiesa il male che la sta minando. Sono momenti molto difficili per la Chiesa Cattolica, ma non sono di certo i primi. Tante volte ho toccato questo argomento: in fondo Gesù stesso aveva ammonito i suoi discepoli: "Guai a coloro che scandalizzano uno di questi piccoli"... e poi: "E' inevitabile che avvengano degli scandali, ma guai a coloro che li compiono".

La Chiesa dovrebbe fare un esame di coscienza e rinnovarsi, nel suo cuore, non raccontarsi bugie inutili e sterili, ma cercare di fare chiarezza per ricalcare davvero le orme del suo Fondatore.
Posta un commento