domenica 19 gennaio 2014

Esperienze soprannaturali


In questi giorni ho letto alcuni libri che hanno suscitato in me tantissime riflessioni che ho posto innanzitutto davanti al Signore, riflessioni che non so se riuscirò ad esprimerle tutte. Alcune esperienze di Dio rimangono difficili da comunicare e condividere: talune si possono dire, ma altre, quelle più profonde, rimangono chiuse nel nostro cuore a guisa di esperienze straordinarie, sicuramente irripetibili sotto ogni aspetto e vanno meditate come faceva Maria mentre davanti ai suoi occhi si svolgeva il mistero più straordinario della storia: l'Incarnazione del Figlio di Dio.

Entrambe i libri affrontano il soprannaturale in modo semplice, accessibile a tutti, ma non per questo deve essere sottovalutato: uno racconta la storia di una mistica calabrese, Natuzza Evolo, l'altro di un esorcista, famoso carismatico e guaritore, Padre Matteo La Grua di Palermo. Entrambe appartengono ai nostri giorni, infatti sono morti da poco; entrambe hanno affrontato il mondo del soprannaturale e hanno desiderato condividere la loro esperienza, solamente per essere strumenti nelle mani di Dio, desiderosi di annunciare a tutti Cristo.

Il mondo del soprannaturale incute nell'uomo paura e curiosità nello stesso tempo, ma, qualunque sia il motivo per il quale ci accostiamo ad esso, dobbiamo tener presente una realtà imprescindibile dell'uomo: il suo destino finale, la morte.

Noi cristiani, crediamo fermamente che esista una vita oltre la morte: questa vita terrena, infatti, deve essere letta in tale chiave, altrimenti perderebbe il suo senso più intrinseco. Lo diceva pure san Paolo nelle sue lettere: se noi non crediamo nella Resurrezione è vana la nostra fede. Le nostre azioni, anche le più buone ed eroiche, spogliate del desiderio del raggiungimento della vita eterna, perderebbero il loro valore e si limiterebbero ad essere pura filantropia, seppur siamo convinti che le abbiamo fatte pensando a Cristo. Il destino finale dell'uomo deve essere la priorità dei nostri pensieri; tutte le nostre azioni devono essere compiute verso quel senso, non ne possono possedere altro, altrimenti tutto diventa vano, pure il nostro desiderio di perfezione nel quale si può comodamente annidare il desiderio umano di avere la coscienza pulita ai nostri occhi e non a quelli di Dio. Più volte la Bibbia ci ricorda questa realtà: i pensieri di Dio non sono i nostri pensieri e noi faremmo bene ad analizzarci al microscopio, come farebbe il più attento ricercatore, per vedere se qualche batterio non si sia per caso infiltrato nel nostro desiderio di bene. Non sconvolgiamoci a tale pensiero: il male, l'amor proprio hanno tentacoli che rapiscono il nostro cuore con astuzia, ledendo i nostri desideri più santi. Ci vuole tanto discernimento, un discernimento sano fatto dinanzi a Dio, nello Spirito. Come diceva oggi una preghiera dei fedeli, dobbiamo liberarci dal peccato a prescindere dai nostri sensi di colpa. Talvolta infatti, ci lasciamo inconsciamente guidare da questi e pensiamo di essere davvero pentiti semplicemente perché sentiamo dolore dei nostri peccati. Non è un pentimento giusto, però. Il pentimento perfetto è quello di essere addolorati di esserci allontanati da Dio con quel gesto sbagliato e di avere, in qualche modo, rotto la nostra relazione con Lui. Nel nostro cammino ci deve quindi sorreggere l'idea dell'esistenza di un aldilà. Tale idea cambierà totalmente il nostro modo di vedere e di fare del bene. Questo ho colto e riflettuto, ma non solo, leggendo questi libri. Natuzza vedeva le anime del Purgatorio mentre padre Matteo combatteva il demonio e liberava le anime... Quali grandi ministeri! Vorrei affrontare con voi le varie riflessioni scaturite da queste letture... Almeno cerco, perché come vi ho detto, le riflessioni sono molte anche se convergono tutte in un'unica realtà, Dio.
Posta un commento